Luglio: il mese del Preziosissimo Sangue di Gesù

News del 01/07/2019 Torna all'elenco delle news

"Il Sangue di Cristo è la chiave del Paradiso."
(S. Tommaso d’Aquíno ) 

 
 
Proprio all'inizio di questo mese, dedicato a celebrare le glorie e i benefici del Preziosissimo Sangue di Gesù, la Chiesa ci ha fatto celebrare fino a qualche tempo fa, in onore di questo Sangue, una festa solenne, quasi a coronamento del mese del S. Cuore. 
L'origine di questa festa non è antica: risale a Pio IX, il cui pontificato fu una delle epoche più gloriose per lo sviluppo di questa devozione. Già si celebrava in qualche luogo una festa del Preziosissimo Sangue nel venerdì della quarta settimana di quaresima, ma fu Pio IX a voler istituire una festa universale alla prima domenica di luglio, come un monumento alle vicissitudini della S. Sede e come un "Te Deum" perpetuo di ringraziamento per l'ottenuta liberazione dall'esilio di Gaeta. 
La festa fu poi fissata da S. Pio X al primo luglio. 

II significato di questa solennità che si celebrava è del tutto affine a quello del S. Cuore, con cui aveva in comune il Vangelo della Messa. C'è un'intima relazione tra il Cuore e il Sangue, non solo perché dal Cuore di Gesù, trafitto dalla lancia, sgorgò acqua e Sangue: ma anche perché il primo calice nel quale quel Sangue divino fu consacrato e vivificato, fu proprio il Cuore dei Verbo incarnato. La S. Messa esalta l'efficacia redentrice del Preziosissimo Sangue e ci invita a dissetarci alle fonti divine delle piaghe di Gesù, affinché il suo Sangue sia pegno per noi di vita eterna. 
 

STORIA DELLA DEVOZIONE AL PREZIOSISSIMO SANGUE 
"In un certo senso - scrive P. Faber - tutta la storia della Chiesa è la storia della devozione al Preziosissimo Sangue", perché è la storia della predicazione del Vangelo e dell'amministrazione dei sacramenti. 
Come devozione speciale e separata è certamente esistita nella mente e nel cuore dell'apostolo Paolo; lo si può vedere dall'insistenza con cui ne parla nelle sue lettere.S. Paolo si può chiamare a ragione il "dottore del Preziosissimo Sangue" e può essere considerato come l'iniziatore della sua speciale devozione. La forza della sua missione apostolica scaturiva proprio da questa devozione. 
Fra i santi Padri della Chiesa abbiamo S. Giovanni Crisostomo in Oriente e S. Agostino in Occidente, che possono essere considerati come tra i più notevoli esempi di una speciale devozione al Preziosissimo Sangue. II grande zelo che ardeva nel Crisostomo e l'entusiasmo divenuto in S. Agostino una vera passione, per il Sangue di Gesù che operò la nostra redenzione, spiegano la preminenza di questa devozione nei loro scritti. 
Le rivelazioni di S. Geltrude sono piene delle più soavi e profonde espressioni riguardo al Preziosissimo Sangue di Gesù. Ma questa devozione pare aver preso la sua forma moderna e la sua consistenza in S. Caterina da Siena, che può essere giustamente chiamata la ‘profetessa del Preziosissimo Sangue’ (P. Faber). 
In S. Caterina sarà un pensiero costante, l'ansia di ogni ora, un'idea fissa, un bisogno irrinunciabile. Fino a un certo punto le sue lettere cominceranno così: "lo vi scrivo nel prezioso Sangue...". Al suo confessore, Raimondo da Capua, raccomanda: "Immergetevi nel Sangue di Gesù Crocifisso, bagnatevi in quel Sangue, inebriatevi con quel Sangue, crescete e fortificatevi in quel Sangue". "In mezzo ai miei lavori - scriveva ancora - voglio essere accompagnata da quel Sangue".  

"Carissimi Fratelli e Sorelle!
Inizia oggi il mese di Luglio, che la tradizione popolare dedica alla contemplazione del Preziosissimo Sangue di Cristo, mistero insondabile di amore e di misericordia.[...]
Il Sangue di Cristo è la prova inconfutabile dell'amore del Padre celeste per ogni uomo, nessuno escluso.
Tutto questo è stato ben sottolineato dal Beato Giovanni XXIII, devoto al Sangue del Signore fin dall’infanzia, quando in famiglia ne sentiva recitare le speciali Litanie. Eletto Papa, scrisse una Lettera apostolica per promuoverne il culto (Inde a primis, 30 giugno 1959) invitando i fedeli a meditare sul valore infinito di quel Sangue, del quale "una sola goccia può² salvare tutto il mondo da ogni colpa" (Inno Adoro Te devote)". 
Giovanni Paolo II, 1 Luglio 2001

Lettera apostolica Inde a primis di papa Giovanni XXIII
 

 

FORME DEVOZIONALI AL PREZIOSISSIMO SANGUE

Litanie del preziosissimo sangue (approvate da Papa Giovanni XXIII)  

Signore, pietà                                                                      Signore, pietà 
Cristo, pietà                                                                         Cristo, pietà 
Signore, pietà                                                                      Signore, pietà 
Cristo, ascoltaci                                                                   Cristo, ascoltaci 
Cristo, esaudiscici                                                                Cristo, esaudiscici 
Padre celeste, Dio,                                                               abbi pietà di noi
Figlio, Redentore del mondo, Dio,                                                     "
Spirito Santo, Dio,                                                                             "
Santa Trinità, unico Dio,                                                                    "
Sangue di Cristo, Unigenito dell'eterno Padre,                            salvaci
Sangue di Cristo, Verbo di Dio incarnato,                                          "
Sangue di Cristo, della nuova ed eterna alleanza,                            "
Sangue di Cristo, scorrente a terra nell'agonia,                                "
Sangue di Cristo, profuso nella flagellazione,                                    "
Sangue di Cristo, stillante nella coronazione di spine,                       "
Sangue di Cristo, effuso sulla croce,                                                  "
Sangue di Cristo, prezzo della nostra salvezza,                                "
Sangue di Cristo, senza il quale non vi è perdono,                            "
Sangue di Cristo, nell'eucaristia bevanda e lavacro delle anime,       "
Sangue di Cristo, fiume di misericordia,                                              "
Sangue di Cristo, vincitore dei demoni,                                               "
Sangue di Cristo, fortezza dei martiri,                                                 "
Sangue di Cristo, vigore dei confessori,                                              "
Sangue di Cristo, che fai germogliare i vergini,                                    "
Sangue di Cristo, sostegno dei vacillanti,                                             "
Sangue di Cristo, sollievo dei sofferenti,                                               "
Sangue di Cristo, consolazione nel pianto,                                           "
Sangue di Cristo, speranza dei penitenti,                                             "
Sangue di Cristo, conforto dei morenti,                                                 "
Sangue di Cristo, pace e dolcezza dei cuori,                                          "
Sangue di Cristo, pegno della vita eterna,                                             "
Sangue di Cristo, che liberi le anime del purgatorio,                               "
Sangue di Cristo, degnissimo di ogni gloria e onore,                               "
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,                    perdonaci, o Signore
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,                   esaudiscici, o Signore
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo,                           abbi pietà di noi
 
V. Ci hai redenti, o Signore, con il tuo sangue.
R. E hai fatto di noi un regno per il nostro Dio.
Preghiamo
O Padre, Dio onnipotente e misericordioso, che nel sangue prezioso del tuo unico Figlio hai redento il mondo, rinnova l'effusione redentrice del suo sangue per noi e per tutta l'umanità, perché otteniamo sempre frutti abbondanti di vita eterna.
Per Cristo nostro Signore. Amen.