21 maggio: memoria liturgica della venuta di San Paolo a Reggio

News del 20/05/2020 Torna all'elenco delle news

Un legame preferenziale si è stabilito tra San Paolo e la Chiesa reggina. 

Essa vanta infatti la sua origine dalla predicazione dell’Apostolo, il quale, durante il viaggio da Cesarea a Roma, nella primavera dell’anno 61 d.C., provenendo da Siracusa approdò a Reggio, e ivi si fermò un giorno, come attestano gli Atti degli Apostoli (28,13), passo che è riportato in una iscrizione sulla fascia superiore del protiro della Cattedrale: "Costeggiando giungemmo a Reggio".

A San Paolo si deve il primo annuncio del Vangelo e l’impianto sul suolo calabro della prima comunità cristiana, con a capo S. Stefano da Nicea, che l’Apostolo, nel ripartire alla volta di Pozzuoli, lasciò come primo Vescovo.

San Paolo, pertanto, è considerato fondatore della Chiesa reggina e  padre nella fede dei cristiani di Calabria, e da Giovanni Paolo II è stato proclamato, nel 1980,  Patrono principale dell’Arcidiocesi di Reggio Calabria.

La memoria liturgica della venuta di San Paolo a Reggio ricorre il 21 Maggio.

In questo giorno si recita, sin dall'antichità, l'Inno alla Colonna di S. Paolo e la preghiera:

 

Salve. o colonna nobile, 

più splendente dell’ambra e dell’oro 

e più provvida di quella  

colonna ignea di Mosè.  

Ciò che Paolo proclama 

con le sue parole, 

conferma con il tuo fulgore. 

Con le tue fiamme Reggio 

abbraccia la fede di Cristo. 

Perciò come quella israelita 

guidò gli Ebrei nella terra promessa, 

tu, colonna regia, 

conduci noi in cielo.

Sia Gloria al Sommo Padre

e al Figlio Unigenito

e al Divin Paraclito

nei secoli dei secoli. Amen

 

Paulus apostolus devenit Rhegium. Alleluia

Et seminavit Verbum Dei. Alleluia

 

SCARICA L'INNO AVE COLUMNA NOBILIS

 

LEGGI ALTRE NOTIZIE sulla Chiesa reggina e San Paolo su questo sito